Rosato – la massima libertà in un bicchiere

rose

Mi piace molto il rosé. Ma non nella versione poco elegante di un bel bicchiere pieno di ghiacchio. Neanche nella versione snob: “Bevo solo Provence e se il rosato non ha il colore della buccia di cipolla lo sputo”. Un bel rosato, ben fatto, con o senza bolla, posso apprezzarlo.

Sicuramente un buon bicchiere di rosé è la prima cosa che desideri quando alla fine di aprile quel sole arriva dietro l’angolo dopo un inverno che sembra durare un’eternità (soprattutto se vivi in Olanda!)

La storia del Rosato 

All’inizio, nell’Impero greco, quasi tutti i vini erano rosati. L’uva, rossa e bianca, è stata trasformata in vino e poi diluita con acqua. Ti sento pensare: che buono.

Nel VI secolo a.C., i Greci portarono i loro vini rosa a Marsiglia. Da qui, sono stati diffusi in tutto il Mediterraneo ed è a questo che la Provenza deve la sua fama per i vini rosati.

Nel XIX secolo, Bordeaux de Clairet è stato il luogo di nascita dei Clairet. Questo rosato divenne estremamente popolare negli alti ranghi dell’Inghilterra. A quel tempo, il rosé era associato al lusso, alla libertà e al sole. Nel sud della Francia, bere un bicchiere di rosé era un vero piacere. Come rinfresco al sole, come aperitivo prima di cena e come dissetante. 

A metà del XX secolo il rosé ha perso la sua buona reputazione perché venivano commercializzati vini rosati dolci a buon mercato che non avevano nulla a che fare con la qualità. Nei ceti sociali più alti e seriosi, bere un bicchiere di rosé era come dire parolacce in chiesa. 

Dal 2000 in poi, la reputazione del rosato è uscita lentamente dal fango. Le celebrità esibivano vini rosè, bottiglie magnum affioravano alle feste in piscina, i menù sulle terrazze chic presentavano nuovamente i rosati.

Come si fa il rosato

Ci sono diversi modi per fare il rosato. Ne parlerò brevemente.

  • L’uva blu è diraspata e ammaccata. Segue un breve ammollo delle bucce e dei semi. Dopo 1 o 2 giorni viene premuto il tutto che diventa rosa. Ecco come viene fatto, ad esempio, il Clairet.
  • Il metodo saignée fermenta insieme succo, bucce e buchi. Durante la fermentazione alcolica il succo diventa rosa. Dopo non troppo tempo, l’enologo consente a una parte del succo di defluire dalla botte. Questo succo continua a fermentare senza bucce e nocciole. Il resto è usato per fare il vino rosso.
  • In Provenza, tutte le uve vengono pigiate delicatamente. Il vino esce di colore rosa pallido e viene ulteriormente fermentato come vino bianco.
  • A volte il vino bianco e il vino rosso si fondono in un vino rosato. Tuttavia, questo non è consentito in Europa, tranne che nella regione dello Champagne. Ciò che è permesso è far fermentare insieme uve bianche e blu.

Vini che ho provato

Les Vilaines rosé di Provenza

Bellissimo rosato di colore chiaro, ispirato alla femminilità e realizzato da quattro donne sexy. Un blend di Syrah, Grenache e Cinsault dove quest’ultima uva fornisce il tocco gastronomico. 

Nel bicchiere il vino è fresco, ha un tono minerale. Morbido e fruttato, carnoso al palato, temperato e dissetante.

Un bel bicchiere per i prossimi mesi. 

Rosato Bollicine AgrinSalento

Colore rosa. Bella bottiglia. Fotogenico.

Nel bicchiere una bella bolla costante. Al naso molto fruttato, frutta rossa e alcune note di frutta secca. Succoso e pieno, ciliegia agrodolce, bella acidità scoppiettante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su