Vin de Constance

Regione – Città del Capo, Sudafrica.

Terreno – Terreno di granito decomposto.

Il Vin de Constance è un vino dolce, rigoglioso e di alta qualità, prodotto al 100% con Moscato di Frontignan. Il vino ha 330 anni di storia e nel corso degli anni ha sviluppato una reputazione che lo ha reso quello che è oggi. Tutto ebbe inizio nel 1685 quando al decimo comandante della VOC (compagnia olandese delle indie), Simon van der Steel, fu concessa la sua terra per coltivare e trovare un posto adatto alla viticoltura.

Van der Steel chiamava la sua fattoria Constantia. Si ritiene che il nome derivi dalla nave VOC “Constantia”. Si dice anche che Constantia derivi dal latino ‘costanza’, – una qualità molto rispettata da Van der Steel.

Nel 1716, subito dopo la morte di Van der Steel, si tenne un’asta e sia i vigneti ‘Groot Constantia’ che ‘Klein Constantia’ furono venduti a due diversi proprietari. Costanza trovò il suo marchio sulla mappa internazionale quando il re Luigi Filippo inviò i suoi emissari a prendere il vino dal Capo di Buona Speranza, e si ritiene che Napoleone abbia trascorso il suo esilio ubriacandosi con il Vin de Constance sull’isola di Sant’Elena.

La fattoria ha attraversato momenti incredibilmente duri a causa della Phylloxera ed è entrata in un profondo sonno. Solo Dougie Jooste è stato in grado di svegliarlo nel 1979 quando ha acquistato la fattoria. Poco dopo l’arrivo di Jooste, nel 1986 è uscito un moderno Vin de Constance. Il vino ha dovuto affrontare varie sfide, poiché il gusto del consumatore si era già sviluppato da vini dolci a vini secchi. Ma la qualità del vino non è mai diminuita, dal 1986 è regolarmente nella lista dei migliori vini del mondo.

Note di degustazione: Profondo, di colore giallo-oro, con una marcata viscosità. Al naso intenso e complesso di albicocca secca, mandarino e noce moscata. Al palato sapori succulenti, concentrati e dolci di frutta sono bilanciati da un’acidità fine, seguita da un retrogusto molto lungo e saporito.

Scritto da Dibyendu – leggi qui altri suoi articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su