Gloria olandese – Un tuffo nel vino olandese

Nederlandse wijn

Il vino olandese merita maggiore attenzione, sono sicura che voi amanti del vino sarete d’accordo. Ho notato che anche le persone con cui condivido questo piccolo paese troppo spesso preferiscono prendere una bottiglia di vino da un altro paese, piuttosto che provare un vino dei loro stessi terreni (è risaputo, l’erba del vicino è sempre più buona. Ma di certo non voglio essere un fautore del vino olandese perché amo i vini di ogni paese, e il numero uno per me ovviamente è il vino italiano.  Ma ora, lasciatemi fare un po’ di propaganda per il vino olandese.

Ecco che arriva.

Breve storia del vino olandese

Secondo la tradizione, il vino veniva prodotto in Olanda già prima di Cristo, ma è stato testimoniato solo intorno all’anno 1000 d.C., o almeno questo è ciò che si sa oggi e ci sono dubbi sull’autenticità degli scritti. È tutto un po’ vago, quindi non facciamo i pignoli, in fondo non sono uno storico.

Quello che sappiamo è che le regioni vinicole si trovavano principalmente nel sud del nostro paese a causa della fertilità dei terreni löss. Intorno al XV secolo la viticoltura era in piena espansione fino a quando è subentrata la Birra, la migliore amica dell’Olanda. Sai, la birra dopo il vino non è mai una buona idea! 

Più passava il tempo, meno vigneti rimanevano e alla fine la piccola era glaciale, la Phylloxera e alcune guerre causarono la morte dell’industria vinicola del nostro paese. Dopo la Seconda guerra mondiale non c’era più un vigneto. Che peccato!

Rinascita della viticoltura olandese

Per fortuna c’era Slavante. Questo è il nome del primo vigneto di Maastricht che è stato piantato nel 1967. Da quel momento in poi seguirono sempre più vigneti, l’Apostelhoeve è nato nel Limburgo nel 1970, il Brabant ne ha preso parte, e alla fine il vino fu addirittura prodotto nel nord del nostro paese. 

Varietà di uva

La produzione di vino olandese richiede condizioni particolari. Insieme ai nostri vicini orientali abbiamo lavorato su nuovi vitigni che potessero prosperare in condizioni difficili (pensate a molta umidità e poco sole). Nel frattempo hanno usato uve come il Müller-Thurgau, il Riesling, l’Auxerrois e il Pinot Grigio. 

Si tratta di vitigni classici che vengono utilizzati ancora oggi, insieme ad esempio allo Chardonnay e al Pinot Nero. Esiste anche un’intera gamma di vitigni ibridi (incroci di Vitis Vinifera e, ad esempio, viti americane come Vitis Labrusca) che sono molto popolari nella viticoltura olandese a causa delle caratteristiche delle uve, che soprattutto sono favorevoli a questo clima orrendo – e hanno contribuito al rilancio della viticoltura olandese.

Vitigni ibridi ampiamente utilizzati nei Paesi Bassi sono Solaris (bianco), Johanitter (bianco) e Regent (blu). 

Per lo più l’Olanda è un paese che produce molti vini bianchi, si può immaginare che poco sole sia più adatto a produrre vini bianchi freschi piuttosto che vini rossi corposi. Tuttavia, ci sono anche bei vini rossi prodotti da, per esempio, Regent, un’uva blu a maturazione precoce, Dornfelder e Cabernet Cortis. Oggi si possono trovare anche dei bellissimi spumanti. 

Attualmente ci sono circa 350 ettari di vigneti distribuiti su 180 vigneti commerciali nel nostro paese, tra i quali Limburgo e Gelderland hanno la quota maggiore. Tutto questo si aggiunge alla produzione di oltre un milione di bottiglie di vino olandese all’anno! Wow!

Vigneti e legislazione

I vigneti più noti che superano i 3 ettari sono Apostelhoeve, De kleine schorre, Hoeve Nekum e il vigneto Sint Martinus (più volte proclamato come miglior vigneto dei Paesi Bassi). 

I vini di qualità sono prodotti nei Paesi Bassi secondo la legislazione europea e classificati con le etichette BGA (indicazione geografica protetta) e BOB (denominazione di origine protetta). Attualmente ci sono cinque zone DOP: Maasvallei Limburg, Mergelland, Oolde, Vijlen e Ambt-Delden. Qui ci sono rigide regole di terroir, tutti i vini devono essere prodotti al 100% da uve coltivate in quella zona e non possono essere utilizzati vitigni ibridi. 

Apostelhoeve Cuvée XII                         

Per questo articolo ho assaggiato la Cuvée II della fattoria dell’Apostolo. Un blend di 40% Müller-Thurgau, 30% Auxerrois e 30% Pinot-Gris.

Il vino è molto profumato, sa di mela e pera. Qualche agrume al naso e della bella frutta esotica.  Al palato sorprendono la cremosità, gli acidi succosi e le mele fresche. Un vino che sicuramente sorprende e che non avrei mai detto fosse olandese.  Per saperne di più su questo vino cliccate qui. Acquistalo ad Amsterdam da Wine & Roses.

Suggerimenti sul vino

Su Instagram ho chiesto ad alcune persone quale fosse il miglior vino olandese che avessero mai bevuto. Ecco una piccola lista di vini raccomandati dai Paesi Bassi.

Solaris Arancio di Ivar

Pinot Noir Stokhemmer wingerd

Riesling Hoeve Nekum

Apostelhoeve Riesling 2018

St. Martinus Prestige

Sint Catharinadal Chardonnay

Pinor Noir Barrique 777 Wijngoed Thorn

Wilde witte Wild Wijngaard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su